18 2 / 2014

"il benignissimo Rettore del cielo volse clemente gli occhi alla terra, e veduta la vana infinità di tante fatiche, gli ardentissimi studii senza alcun frutto e la opinione prosuntuosa degli uomini, assai più lontana dal vero che le tenebre dalla luce, per cavarci di tanti errori si dispose mandare in terra uno spirito, che universalmente in ciascheduna arte et in ogni professione fusse abile, operando per sé solo a mostrare che cosa sia la perfezzione dell’arte del disegno nel lineare, dintornare, ombrare e lumeggiare, per dare rilievo alle cose della pittura, e con retto giudizio operare nella scultura, e rendere le abitazioni commode e sicure, sane, allegre, proporzionate e ricche di varii ornamenti nell’architettura."

VITA DI MICHELAGNOLO BUONARRUOTI FIORENTINO PITTORE, SCULTORE ET ARCHITETTO - Giorgio Vasari, “Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti”, 1568 edizione giuntina

30 7 / 2012

Giorgio Vasari nato ad Arezzo il 30 luglio 1511 Autoritratto, Galleria degli Uffizi, Firenze

Giorgio Vasari nato ad Arezzo il 30 luglio 1511
Autoritratto, Galleria degli Uffizi, Firenze

02 2 / 2012

Giorgio Vasari, Ritratto di Rosso Fiorentino
Casa Vasari, salone dei ritratti. Firenze

il Rosso era, oltra la pittura, dotato di bellissima presenza; il modo del parlar suo era molto grazioso e grave; era bonissimo musico et aveva ottimi termini di filosofia, e quel che importava più che tutte l’altre sue bonissime qualità, fu che egli del continuo nelle composizione delle figure sue era molto poetico, e nel disegno fiero e fondato, con leggiadra maniera e terribilità di cose stravaganti, et un bellissimo compositore di figure. Nella architettura fu eccellentissimo e straordinario, e sempre, per povero ch’egli fosse, fu ricco d’animo e di grandezza.
Giorgio Vasari, Le vite

Giorgio Vasari, Ritratto di Rosso Fiorentino
Casa Vasari, salone dei ritratti. Firenze

il Rosso era, oltra la pittura, dotato di bellissima presenza; il modo del parlar suo era molto grazioso e grave; era bonissimo musico et aveva ottimi termini di filosofia, e quel che importava più che tutte l’altre sue bonissime qualità, fu che egli del continuo nelle composizione delle figure sue era molto poetico, e nel disegno fiero e fondato, con leggiadra maniera e terribilità di cose stravaganti, et un bellissimo compositore di figure. Nella architettura fu eccellentissimo e straordinario, e sempre, per povero ch’egli fosse, fu ricco d’animo e di grandezza.

Giorgio Vasari, Le vite

08 10 / 2011

"Lo avere a combattere più con la fame che con la fama, tien sotterrati i miseri ingegni, né li lascia (colpa e vergogna di chi sollevare gli potrebbe, e non se ne cura) farsi conoscere."

(sempre attuale) Giorgio Vasari - Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori, e architettori, 1568.
(proemio della terza parte)

30 7 / 2011

oggi google è bellissimo davvero.

oggi google è bellissimo davvero.

06 7 / 2011

"Bontà mi ha fatto grazia di condurre; perciò che, se bene elle non sono di quella perfezzione che io vorrei, si vedrà nondimeno, da chi vorrà con sano occhio riguardarle, che elle sono state da me con istudio, diligenza et amorevole fatica lavorate, e perciò, se non degne di lode, almeno di scusa, sanzaché, essendo pur fuori e veggendosi, non le posso nascondere."

giorgio vasari parla delle proprie opere nel sesto volume dell’edizione giuntina de ‘le Vite’.
è uno dei pezzi che preferisco quel 'essendo pur fuori e veggendosi, non le posso nascondere'. amo molto 'veggendosi'. che bella lingua che è la nostra.